Di armi chimiche, di bombe a stelle e strisce e di gattini orfani

image

Come ogni sera arriva dalla Siria il bilancio delle vittime civili cadute in Siria.  Oggi il conto di è fermato a 30; è un bilancio che, da 29 mesi, si aggiorna inesorabilmente.  Bambini, donne, giovani, anziani che trovano la morte senza colpa alcuna e la cui atroce fine sembra non aver scosso nessuno. Bombardamenti, spari di cecchini, torture, sequestri, privazioni, stragi con armi bianche; nulla ha scosso la diplomazia internazionale che, misteriosamente, sembra essersi svegliata solo lo scorso 21 agosto, il giorno del massacro con armi chimiche alla periferia di Damaso.  Oggi i tg parlano di Siria, si parla di inizio di una guerra… Si parla di bombardamento a stelle e strisce, di intervento americano. Poi si parla di mancanza di prove e il teatrino della politica internazionale propone performance ipocrite in politichese.  Ma in Siria si muore; si muore da quasi tre anni. Il popolo è stremato, stanco; non si aspetta nulla da nessuno.  Di certo non vuole altre bombe.  Il popolo siriano vorrebbe solo vivere. I figli del popolo siriano vorrebbero vivere.

image

Come il piccolo Nabil, che ho incontrato ad Aleppo. L’ho incontrato mentre facevo riprese  nel cuore della città vecchia; riprendevo distruzione e macerie. Così Nabil ha detto di volermi mostrare una cosa importante “che ha distrutto bashar al assad” e mi ha pregato di aspettarlo. È entrato in casa ed è uscito con una piccola scatola; dentro la scatola c’era un gattino di pochi giorni.  Mi ha detto che la mamma è stata uccisa da un bombardamento insieme agli altri cuccioli.  L’unico sopravvissuto era quel gattino di cui si sta occupando con tanto amore. Nabil è un piccolo uomo, un cuore puro che cammina. Il suo gattino è invece il simbolo dell’innocenza, di quegli esseri viventi, umani e animali, costretti a morire sotto le hombe.

Annunci

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: