Siria, verrà la morte, ma non avrà i tuoi occhi

Lujain Muadamyeh Damasco3 luglio 2013 – Muadamyeh, vicino a Damasco

Mi perdoni Cesare Pavese, ma osservando questa foto, che ritrae la piccola Lujain, una bimba siriana, non ho potuto non rievocare e fare mia la sua struggente poesia:

“Verrà la morte e avrà i tuoi occhi
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda… I tuoi occhi
saranno una vana parola,
un grido taciuto, un silenzio…”.

Lujain ha gli occhi grandi, di un colore che è una sintesi di sfumature, tra l’azzurro, l’argento, il verde…

La morte si è fermata di fronte a lei; voleva prenderla a sé; voleva prendere i suoi occhi… ma si è fermata.

Troppo puro quello sguardo, troppo intenso quel colore.

Troppo innocente l’anima che dà luce a quei fari accesi nella lunga notte siriana.

La morte ha atteso di fronte alla piccola, ha lasciato la sua macchia vigliacca e se ne è andata.

Siria, verrà la notte, ma non avrà i tuoi occhi.

 

Annunci

Una risposta a "Siria, verrà la morte, ma non avrà i tuoi occhi"

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: