Nell’indifferenza del mondo, continuano a morire i bambini siriani – Video

10 giugno 2013 Busra Al Sham10 giugno 2013 –  Dar’à

Su un letto di ospedale arriva un bambino in condizioni disperate. Il suo corpicino è pieno di sangue: è ferito alla testa, agli occhi, alle gambe, all’inguine, all’addome e ha anche un braccio rotto. I medici dell’ospedale da campo gli prestano le prime cure, ma la struttura è inadeguata ad affrontare un’emergenza simile e il quadro complessivo non lascia spazio alla speranza.

Poche ore dopo il bimbo ha smesso di soffrire. Ha chiuso per sempre i suoi occhi sanguinanti. Il suo cuoricino ha smesso di battere per sempre.

E’ spirato in silenzio e nel silenzio del mondo si è consumata la sua tragedia.

Il piccolo angelo è l’ennesima vittima dei bombardamenti sui quartieri residenziali.

E’ l’ennesima vittima di una macchina da guerra che non si arresta.

Annunci

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: