Al Houla: là dove si spezzano le ali degli angeli

wissam al jazairy la bimba delle rose 8 aprile 2013Al Houla 16 maggio 2013

Quando si parla di una città si vorrebbe ricordarla per le sue bellezze paesaggistiche e architettoniche, per la sua storia, le sue tradizioni, la sua gente.

Nessuno vorrebbe ricordare una città per le tragedie che in essa si sono consumate. Nessuno vorrebbe associare al nome di un popolo un dolore inconsolabile che si protrae inesorabile nel tempo.

Oggi siamo a documentare l’ennesima strage degli innocenti ad Al Houla. Ormai sono innumerevoli le tragedie che hanno colpito questa città della provincia di Homs. Ancora bambini uccisi. Uccisi nelle loro case. Uccisi nei bombardamenti incessanti. Non ci hanno ancora comunicato i loro nomi. Ciò che conosciamo di loro sono solo i corpicini dilaniati e grondanti di sangue. Angeli a cui hanno spezzato le ali.

Le immagini del video sono terribili, ma ancor più terribile è che si assista impotenti a questo genocidio. Di fronte ai corpicini dei bimbi morti la gente grida: “ma dove sono i paesi arabi, ma dov’è la comunità internazionale, ma perché avviene tutto questo?”

Qualcuno provi a rispondere.

Opera di Wissam Al Jazairy: la bimba delle rose

Annunci

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: