“Perdere la propria libertà per la libertà degli altri”

A volte proviamo a colmare il vuoto lasciato da persone amate che non ci sono più cercando i luoghi che frequentavano, ascoltando le canzoni che amavano, andando alla ricerca dei profumi che rendono vivo il loro ricordo. Qualche settimana fa, durante la mia ricerca di qualcosa che mi parlasse di mia sorella Noura, che mi facesse vivere... Continue Reading →

#Not_in_our_name: le guerre e il terrorismo stanno uccidendo il dialogo

Di fronte al clima di odio, terrore, paura che stiamo vivendo in questi giorni diventa imperativo fermarsi e ristabilire alcuni concetti fondamentali, per evitare di farsi trascinare dal vortice del caos mediatico e politico. Le notizie che giungono dalla Siria e dall'Iraq, sulle persecuzioni delle minoranze cristiane e yazidi, da parte di Isis stanno scuotendo... Continue Reading →

Era la prima volta che vedevo un bambino morto

Avevo la fotocamera appesa al collo, ma le mie dita erano come paralizzate. Anche io mio cuore sembrava essersi fermato.    Quel pomeriggio, terminate le interviste al campo profughi, avevo appuntamento con un medico responsabile di un ospedale da campo;  aveva accettato di incontrarmi perché era stato raggiunto da un collega che lo avrebbe sostituito... Continue Reading →

Siria: il dramma di Shams “Ho sentito un affondo, il suo sudore, la sua saliva”

Al campo profughi è scesa la notte. Non ci sono luci da spegnere, ma solo fiamme di candele su cui soffiare. Una voce femminile chiede di poter entrare nella tenda dove sono ospitata. E' Em Aiyed, una delle donne che avevo intervistato nel pomeriggio. Mi chiede se voglio seguirla, perché vuole raccontarmi una cosa che... Continue Reading →

24 secondi in un quartiere fantasma – video

20 luglio 2013 -  quartiere di Al Khaldiya,  Homs Oscurità. Macerie. Silenzio. Passi incerti tra i detriti. In mano, del pane. Così si muovono i civili nelle località sotto assedio a Homs. Anime silenziose in quartieri fantasma. "Il contrario dell'amore non è l'odio, ma l'indifferenza. L'odio è spesso una variante impazzita dell'amore. L'indifferenza invece riduce... Continue Reading →

Sopravvivere alle carceri di assad- video

Sono oltre 200 mila i civili siriani nelle carceri del regime; tra di loro ci sono anche molti bambini. All'interno delle celle sono rinchiusi oppositori politici, manifestanti, intellettuali, volontari, reporter e giornalisti: tutti coloro che assad considera nemici. Le associazioni per i diritti umani denunciano da sempre la sistematica violazione dei diritti umani all'interno della... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: