L’ultimo addio di un padre al figlio di dieci anni – video

Al Houla 26 ottobre 2013 Abdelhakim Noureddine Alì26 ottobre 2013 – Al Houla

Abdelhakim Al Ali aveva solo dieci anni; questo bimbo siriano della città di Al Houla è rimasto ucciso in uno dei numerosi bombardamenti che oggi hanno colpito diverse località siriane.

Che colpa aveva questo bimbo per morire in modo simile? Che colpa avevano i bambini, ormai più di 9000, uccisi in Siria negli ultimi 31 mesi?

Che cosa è successo all’umanità, che non si indigna più di fronte a simili tragedie?

Vorrei che i fabbricanti di armi, i “signori” della guerra, guardassero simili immagini e si mettessero nei panni del padre di questo piccolo angelo per un istante, immaginando che su quel lettino dell’ospedale da campo ci siano i loro figli. Per un solo istante, provino a guardare quel corpicino esanime, straziato da così tanta violenza. Provino a pensare a quella creatura innocente, a quel padre sconsolato e incredulo. Provino a domandarsi cosa significa continuare a vivere dopo aver visto il frutto del proprio amore ucciso a soli dieci anni da una disumana violenza. Continuerebbero davvero ad agire come stanno facendo ora?

Abdelhakim è morto di una morte orribile; il padre ora dovrà convivere con il suo immenso dolore. Non solo ha perso suo figlio, ma l’ha perso in modo orribile. Ascoltiamo il pianto di quest’uomo e chiediamoci davvero cosa resta di umano in  noi?

Cosa è successo all’umanità che resta indifferente di fronte a tanto dolore? In Siria c’è un genocidio in corso.

L’ultimo addio tra un padre e un figlio di dieci anni

26 ottobre 2013 – bombardamenti si Al Houla

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: