Non lasciamo morire i bambini siriani

Ariha, 4 agosto 20134 agosto 2013 – Ariha

Una bimba viene portata all’ospedale da campo per essere soccorsa.

E’ stata ferita nel corso di un bombardamento. E’ ferita, ma è viva. Almeno il suo corpo lo è.

Quanto alla sua anima, non possiamo dire lo stesso.

Proviamo a fissare i suoi occhi grandi pieni di paura, dolore, angoscia.

Osserviamo l’espressione straziante del suo viso… le macchie di sangue sul suo corpicino.

Proviamo ad ascoltare quel suo muto lamento… senza tapparci le orecchie, anche se ci sentiamo soffocare, forzando noi stessi, perché quel lamento potrebbe essere quello di nostro figlia…

Ora moltiplichiamolo per dieci, cento, mille, diecimila, centomila, un milione di volte, tante quanto il numero di bambini siriani le cui vite sono minacciate dalla guerra.

Bambini, angeli innocenti, i più puri tra i puri. Non lasciamo morire i bambini siriani.

Non lasciamoli morire permettendo che il loro carnefice li chiami assassini, terroristi, per giustificare la loro morte.

Non lasciamo morire i bambini siriani mentre i potenti del mondo sono intenti a godersi il loro effimero potere.

Non lasciamo morire i bambini siriani, perché diventeremmo complici con il nostro silenzio.

Non lasciamo morire i bambini siriani, perché altrimenti dovremo tumulare con loro le nostre coscienze.

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: