Più forti del dolore e della morte, l’innocenza e il sorriso

Jesr Al Shu3ur 25 luglio 201325 luglio 2013 Jesr Al Shu’ur

Una generazione di bambini in Siria sta crescendo nel dolore e nella sofferenza.

Creature innocenti costrette prima del tempo a diventare piccole donne, piccoli uomini.

Ma questa non è una notizia. Non può essere pubblicata. Ok. Non è una notizia, ma è un insegnamento.

Basta prendere coraggio e guardare questa foto, fissare lo sguardo sugli occhi di questo bambino.

Due meravigliose perle color verde, che illuminano un viso angelico, un viso su cui la paura e la sofferenza hanno lasciato segni indelebili.

Un viso che è il ritratto dell’innocenza, su cui si stampa un sorriso dolcissimo, velato di malinconia, ma senza rassegnazione.

Avete visto le sue ferite sul viso, sulle braccia martoriate? Le sue manine dove sono?

E allora davvero il bambino è padre dell’uomo, come disse il poeta William Wordsworth, perché pochi adulti avrebbero la forza e la dignità di reagire e continuare a sperare di fronte a tanto dolore.

Davvero questi bambini sono i padri dell’umanità, un’umanità che però sembra aver rinunciato alla sua anima.

Annunci

2 pensieri su “Più forti del dolore e della morte, l’innocenza e il sorriso

  1. Ciao, ti seguo da poco e , a parte il dispiacere di tutta questa terribile violenza, quello che proponi è molto interessante… sei un giornalista? o cosa fai in Siria? Laura

    Mi piace

I commenti sono chiusi.