Il silenzio del mare – Recensione di Maria Lampa

9788832821376_0_0_0_75.jpgA fine ottobre è uscito il mio nuovo libro. Un romanzo sulla Siria, “Il silenzio del mare”, Castelvecchi Editore.  Oggi condivido con emozione la prima recensione della scrittrice e amica Maria Lampa.
n-0797_orig.jpg“Protagonista del romanzo è il silenzio a cominciare dal titolo  “Il silenzio del mare”.  Il mare non grida,  mormora, culla dolcemente i sogni, alimenta il desiderio per carezze affettive, tratta con tenerezza i cadaveri, trattiene i segreti, custodisce le speranze, miscela le idee, e il suo è un silenzio attivo, vivo anche se non pronuncia parole. A volte dolce, a volte burrascoso e rumoreggiante ma instancabile nel movimento che è Vita.

Ha un suo specifico linguaggio ed è compreso, accettato da chi si mette muto ad osservarlo e ascoltarlo non solo con l’udito ma soprattutto con l’anima. Il mare che alimenta speranze, la paura e custodisce con discrezione segretamente tante storie. Il silenzio di Fadi che preferisce l’ascolto al parlare, la sua scelta di andare sulla spiaggia, al porto da solo per sentire il rumore dei propri pensieri che si muovono come le onde.

D30_3369Il silenzio di Dafne che utilizza per ritrovare se stessa, per comprendere le sue angosce, per capire cosa non va della sua vita, per riordinare i pensieri. Sceglie il silenzio quando si trova in un ambiente sconosciuto, nella casa di accoglienza in mezzo a persone estranee. Preferisce il silenzio  piuttosto che chiedere, chiarire con il marito e interrogarlo su certi comportamenti, e sceglie di tacere i suoi pensieri e tormenti.

Il silenzio usato come soluzione dalla suocera di Dafne per evitare discussioni dolorose in famiglia. Il pescatore Gino che osserva e legge molto più nei silenzi che dalle parole, il dramma che sta vivendo Fadi, e quei silenzi diventano solidarietà, comprensione, compassione, partecipazione. 

D30_3266.JPGI protagonisti del romanzo sono due siriani costretti a fuggire con i barconi e solo uno arriva vivo in Italia. La storia di Fadi e di Ryma simile a quella di migliaia di profughi di cui nessuno parla. Il silenzio sulla storia della Siria, dei giornalisti che non raccontano, delle autorità che se ne avvalgono per aumentare le uccisioni e le repressioni violente.

Il silenzio del mondo che non interviene ed evita di pubblicare il dramma che sta vivendo quel popolo. Il silenzio di tutti gli innocenti martoriati in Siria che non possono più raccontare.

D30_3436.JPGAsmae l’autrice,  non tace ma racconta con una penna sottile, raffinata ciò che viene taciuto. Entra nel cuore dei protagonisti e con un filo di seta tesse la trama dei loro pensieri, delle angosce e speranze, degli ideali che danno la motivazione e il coraggio per combattere. La penna di Asmae fa scorrere sui fogli, cuori intrisi di sofferenza e ricolmi di amore, di intensità e di silenzi che riempiono, avvolgono i vari personaggi.

Tutto il romanzo scorre lentamente, ogni respiro viene descritto e vissuto consapevolmente ed ogni personaggio è visto dal di dentro più che da fuori, dalle azioni, gesti e parole. Dialoghi sintetici, scarni, essenziali e grande spazio all’intimità, ai pensieri, impressioni, sensazioni ed emozioni e ai tanti dubbi che accompagnano gli eventi.

Il lettore è preso delicatamente per mano e condotto dentro la storia, come se l’autrice volesse accostare i lettori, senza alcuna pretesa, alla Siria, a ciò che sta accadendo per farli sentire partecipi, vicini e in qualche modo protagonisti.

D30_3566.JPGC’è un senso di appartenenza al mondo e noi tutti siamo cittadini del pianeta, vicini o lontano che ci troviamo logisticamente, siamo tutti bisognosi di libertà di espressione, e quindi ugualmente responsabili di una pace che va vissuta e mantenuta ogni giorno in ogni angolo e qualsiasi contesto del pianeta Terra proprio perché come uomini, indipendentemente dal colore della pelle, siamo tutti esseri umani che in modo naturale desiderano amare ed essere amati.

Il romanzo è la testimonianza concreta che l’amore, il rispetto, la comunicazione, l’accettazione sono alla base della civile convivenza che fa sentire ogni essere umano ricco e felice di esistere.

Maria Lampa” 

Foto del Booktrailer realizzato da Ruben Lagattolla con Giulia Poeta e Domenico Santarella.

Annunci

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: