Massacri taciuti: quante fosse comuni in Siria? Video

fosse comuni Al Ghouta marzo 2013Da oltre 800 giorni in Siria si sta consumando un genocidio taciuto.

Ufficialmente si parla di oltre 100 mila vittime (per renderci conto all’incirca lo stesso numero di abitanti di città come Ancona o Ravenna).

Ma cosa ne è delle oltre 200 mila persone sparite nel nulla?

Forse lo rivelerà solo il tempo, via via che saranno svuotate le prigioni e le segrete del regime e ogni volta che emergeranno fosse comuni.

Il video in allegato risale allo scorso marzo. E’ stato girato ad Al Ghouta, in provincia di Damasco.

In mezzo a quello che sembrava un semplice prato incolto sono emersi alcuni abiti da donna sepolti sotto un sottile strato di terra.

Gli abitanti del posto hanno cominciato a scavare, trovando altri vestiti, anche da bambino, fino a trovare reperti umani: ossa, resti di mandibole, frammenti vari.

L’ennesima strage di innocenti compiuta ai danni della popolazione civile, ai danni di persone indifese, senza  colpa alcuna.

Non è la prima volta che viene ritrovata una fossa comune e non sarà, purtroppo, l’ultima.

La terra custodisce, nelle sue fauci, segreti terribili che l’umanità ha seppellito insieme a quel che restava della sua coscienza.

 

 

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: