La guerra di ieri, la guerra di oggi

534148_457584854322720_615273420_nFoto e commento pubblicati sulla pagina facebook dedicata al racconto della repressione in Siria dalla città di Al Rastan

“Un militare tedesco della Germania ovest infrange le regole e soccorre un bambino della Germania est, facendogli superare il filo spinato.  Dopo che la foto venne diffusa, il militare venne punito e di lui non si ebbe più notizia.

L’uomo deve restare uomo e parlare la lingua del resto dell’umanità; l’essere umano è più importante delle ragioni della guerra. E’ più importante della vittoria armata, militare o politica.

La nostra appartenenza più importante deve essere l’appartenenza al genere umano”

https://www.facebook.com/www.rastan.now

Trovo particolarmente importanti e significative queste parole, specie se penso che a scriverle sono giovani che si trovano da due anni nella morse di una repressione che non ha eguali nella storia. E’ un messaggio agli altri giovani siriani, un messaggio al resto del mondo. Un messaggio da comprendere e condividere.

Un omaggio alla nobiltà d’animo di questi giovani, con le parole e la musica del grande maestro Giorgio Gaber.

Annunci