Torture in Siria: “come faccio a riconoscere mio figlio così?” – video

Ghuta 26 aprile 2013 bambino torturato e ucciso26 aprile 2013 – Ghuta, Damasco

“Ma come faccio a riconoscere mio figlio così… Dio mio guarda, Dio mio… Ma cosa gli hanno fatto…?”.

Sono le drammatiche parole di una donna siriana, chiamata in ospedale a riconoscere il corpo esanime di un ragazzino, che potrebbe essere il figlio disperso.

Solleva delicatamente la coperta, lo guarda… poi viene portata via mentre ripete che non può essere suo figlio…

Forse davvero non è lui; ma su quella brandina giace, comunque, una persona ancora senza identità…

Il corpo è reso irriconoscibile dalle torture subite: segni di coltello e bruciature sul viso, sulla schiena, sulla gambe. Un occhio non c’è più; ci sono segni di spari… impossibile immaginare cosa abbia patito quel ragazzo, poco più che un bambino.

Lo hanno ritrovato vicino ad un posto di blocco.

Quale disumana violenza si è scatenata contro di lui? Perché?

Cosa spinge l’uomo a usare tanta violenza su un altro uomo, anzi, su un bambino?

Quanto si prolungherà ancora l’agonia del popolo siriano? Cosa dovranno subire ancora i civili inermi?

Siamo davvero nel tempo in cui i vivi invidiano i morti…

 

 

 

 

Annunci

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: