Horrie, la libertà ha un nome di donna

Sia in lingua araba, che in italiano, la parola libertà è femminile. Non è un caso; è un messaggio, un segno. Oggi, che in molti Paesi del mondo si celebra la festa della donna, voglio dedicare una riflessione a tutte le donne che lottano e vivono in nome della libertà. https://youtu.be/5bHud2GXBFg A quelle donne che... Continue Reading →

Annunci

La nebbia, una buona compagna di viaggio

L'auto procede lentamente verso l'aeroporto, sfidando i muri di nebbia che all'alba ostacolano la vista e rendono difficile il percorso. La prima tappa del viaggio è finita. La prossima direzione è Istanbul, dove ci sono oltre 800mila siriani registrati e altrettanti che si muovono nella clandestinità, in attesa di proseguire la loro fuga verso il... Continue Reading →

Dai campi profughi al camice bianco: il riscatto delle giovani siriane

Il via vai di malati all'ingresso del centro medico è incessante. Ci sono molti bimbi in braccio ai genitori che aspettano il proprio turno davanti ai vari ambulatori. La capo infermiera che mi accoglie mi fa fare il giro dei diversi reparti. Riesco a intervistare, in pause rubate tra un paziente e l'altro, tutti i... Continue Reading →

Partenza da Ancona: cos’è un confine?

Allungare la gamba verso l'altra parte del Mediterraneo, per immergersi senza annegare nella realtà della guerra. Dieci mesi dopo il primo viaggio, sono di nuovo dall'altra parte del mare, senza quella salutare inconsapevolezza della prima esperienza, con la coscienza che nulla è come immagini da lontano, con la consapevolezza che quando ti avvicini troppo al sole, per quanto... Continue Reading →

Parla la madre del piccolo Mustafa, ucciso da una bomba mentre vendeva dolci

Nessuno dimenticherà la storia di Mustafa, il bambino di Aleppo rimasto ucciso lo scorso 30 maggio mentre vendeva dolcetti per aiutare la famiglia, finita in miseria a causa della guerra. La sua è una delle oltre 14 mila storie di piccoli siriani che hanno perso la vita a causa delle violenze perpetrate dal regime contro la... Continue Reading →

#Siria: può l’urlo di una donna risvegliare il mondo? – Video

26 maggio 2014 - Aleppo, quartiere di Bunny Zeid In giornate di attesa e di notizie controverse dalla Siria, la situazione nelle diverse città continua ad essere drammatica. Per l'ennesima volta Aleppo si è svegliata sotto i bombardamenti con i barili, dopo che ieri le esplosioni sono proseguite fino a notte inoltrata.  Gli ordigni scaricati dall'aviazione militare quando era... Continue Reading →

Aleppo dopo il bombardamento: “Vi prego, ditemi, mio figlio è morto”? – video

18 marzo 2014 - Aleppo (località Share' sad Allouz, Hay Alshear) "Il regime ci bombarda perché cerchiamo di tornare alla normalità. Ma noi non ci arrendiamo, vogliamo vivere". "Vi prego, ditemi, mio figlio è morto?". "No, lo giuro, è solo ferito l'hanno portato al punto di soccorso". "Signore guarda questa miseria, Signore ti affido il... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: