Sotto le bombe di Aleppo, dopo Ginevra2 – video

Febbraio 2014 - Aleppo Cala il sipario sui colloqui di Ginevra 2 che avrebbero dovuto portare ad una risoluzione per la Siria. Forse bisognerebbe parlare di velo pietoso più che sipario, perché queste trattative non hanno portato a nessun progresso nello stallo della comunità internazionale. Non è stata intrapresa nessuna iniziativa volta all'apertura di corridoi... Continue Reading →

Annunci

Il klashen e il triciclo nello stesso baule

Dal mio viaggio in Siria "Prima che l'esercito regolare facesse irruzione nella nostra città la mia era la vita di un normale imprenditore: riunioni, viaggi, clienti, fornitori, pagamenti, problemi vari. Avevo 25 dipendenti e due magazzini, con tre negozi nelle principali città siriane. Producevamo porte e arredo in legno alla periferia di Aleppo. Guarda dove... Continue Reading →

Siria: il dramma di Shams “Ho sentito un affondo, il suo sudore, la sua saliva”

Al campo profughi è scesa la notte. Non ci sono luci da spegnere, ma solo fiamme di candele su cui soffiare. Una voce femminile chiede di poter entrare nella tenda dove sono ospitata. E' Em Aiyed, una delle donne che avevo intervistato nel pomeriggio. Mi chiede se voglio seguirla, perché vuole raccontarmi una cosa che... Continue Reading →

Dal pugilato alle armi: così si spegne la luce dei nostri giovani

29 maggio 2013 - Baba Amr, Homs Il ragazzo nella foto si chiamava Basel Allawz ed era soprannominato il temerario. Era uno sportivo, tre volte campione siriano di pugilato e lavorava come istruttore nel club ginnico della polizia. Quando ha ricevuto l'ordine di unirsi alle milizie governative per entrare nelle città e sparare sui civili... Continue Reading →

La storia di Mohamed Tayseer: dai canti in piazza al kalashnikov, fino al martirio

28 aprile 2013, ore 02:00 circa Su Facebook viene aperta una nuova pagina: https://www.facebook.com/we.all.tayseer. E' una pagina dedicata ad un martire. Si chiamava Mohamed Tayseer Azza'aby. Tayseer era uno dei giovani siriani che, all'inizio della repressione, ha deciso di scendere in piazza insieme a migliaia di altri ragazzi per dimostrare pacificamente e chiedere la fine del... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: