Quando arriverà l’inverno, dovremo tagliare loro i capelli

Dal mio viaggio in Siria "Con l'arrivo dell'inverno dovremo tagliare i capelli di tutte le bimbe. Anche noi li abbiamo accorciati. Nessuno racconterà mai che questa azme, crisi, ci ha rubato anche la nostra femminilità". A guardare la dolcezza dei tratti del suo viso potrei giurare che mai nulla e nessuno potrà rubare la femminilità... Continue Reading →

Annunci

Il klashen e il triciclo nello stesso baule

Dal mio viaggio in Siria "Prima che l'esercito regolare facesse irruzione nella nostra città la mia era la vita di un normale imprenditore: riunioni, viaggi, clienti, fornitori, pagamenti, problemi vari. Avevo 25 dipendenti e due magazzini, con tre negozi nelle principali città siriane. Producevamo porte e arredo in legno alla periferia di Aleppo. Guarda dove... Continue Reading →

Salviamo ciò che resta dei bambini siriani

23 settembre 2013 - Moadamieht Alsham Ranae Obeid aveva solo 1 anno. L'ingiustizia e l'indifferenza l'hanno uccisa. Quest'immagine parla da sola. Non ha bisogno di commenti. Da Moadamieht Alsham lanciano l'ennesimo, straziante appello: "Salviamo i bambini, salviamo ciò che resta dei bambini siriani. 10 mesi d'assedio a Moadamieht hanno provocato una strage di innocenti. I... Continue Reading →

Era la prima volta che vedevo un bambino morto

Avevo la fotocamera appesa al collo, ma le mie dita erano come paralizzate. Anche io mio cuore sembrava essersi fermato.    Quel pomeriggio, terminate le interviste al campo profughi, avevo appuntamento con un medico responsabile di un ospedale da campo;  aveva accettato di incontrarmi perché era stato raggiunto da un collega che lo avrebbe sostituito... Continue Reading →

Il terrorismo uccide fisicamente, ma anche moralmente

Il terrorismo è la sconfitta della civiltà umana, è quanto di più vile, crudele, squallido abbia mai commesso l’essere umano. Negli ultimi anni il terrorismo non ha solo ucciso migliaia di innocenti in ogni zona del mondo, spezzando vite di innocenti, distruggendo famiglie, provocando ferite indelebili al cuore di tutti. Ha fatto molto di più.... Continue Reading →

Mi chiamavo Salam – video

by: #SpeakUp4SyrianChildren Salam era una bambina di Homs, aveva 11 anni. Il suo nome significava Pace. Vi avevo già raccontato la sua storia. Oggi voglio ricordarla con questo video realizzato dai giovani del #SpeakUp4SyrianChildren Team Ci sono migliaia di angeli siriani che, come Salam, non ci sono più. Non dimentichiamoci di loro.      

“Racconta che i nostri figli non sanno cos’è una casa”

Dal mio viaggio in Siria Migliaia di bambini siriani vivono in un campo profughi; alcuni sono lì da pochi mesi, altri già da due anni. Altri ancora sono addirittura nati tra le tende. E tra le tende scatto qualche foto, incontro qualche sorriso, qualche sguardo pieno di rassegnazione. Ci sono donne che si chiudono nel... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: