I siriani d’Italia in piazza per dire stop al massacro del loro popolo

Roma 14 aprile 2013Centinaia di siriani e di sostenitori della causa siriana sono scesi in piazza sabato 13 a Roma per dire basta al massacro perpetrato dal regime di assad davanti agli occhi indifferenti del mondo. Sono arrivati in pullman, treno e auto private; giovani, donne, bambini, interi nuclei famigliari residenti in diverse città d’Italia, che in Siria hanno i loro parenti nelle città sotto assedio. All’appello degli organizzatori  hanno risposto da Verona fino a Napoli: una presenza significativa per le ragioni dei manifestanti ancor più che per i numeri. Il colpo d’occhio in piazza dell’Esquilino da dove è partita la marcia, era di grande suggestione: una bandiera dell’indipendenza siriana lunga 30 metri ha aperto il corteo, seguita da una folla composta e dignitosa, che nonostante le ferite dovute a oltre due anni di repressione, non ha mai tradito la sua natura pacifica e i suoi ideali. A nulla sono valse le minacce e gli atti intimidatori dei sostenitori nostrani del dittatore di Damasco: non è servita la bomba carta fatta esplodere in una strada parallela alla piazza dove si è radunata la folla; un forte boato, che ha fatto scattare l’intervento immediato delle forze dell’ordine, ma che non ha scomposto i presenti, in profonda empatia con il loro popolo che ha a che fare ogni giorno con la pioggia di bombe vere. Non è servito nemmeno l’appostamento di militanti di Casa Pound, armati di pietre e bandiere del regime, che hanno tentato di darsela a gambe quando sono intervenute le forze dell’ordine, mentre i manifestanti scandivano un sofferto: “Assassini, assassini, giù le mani dai nostri bambini”. Il corteo ha attraversato le vie centrali della capitale, dove centinaia di turisti e romani hanno applaudito e si sono uniti per testimoniare la loro vicinanza umana. Rompere il muro del silenzio che circonda la Siria, infatti, è una delle ragioni principali per cui è stata fatta questa ennesima manifestazione della comunità siriana in Italia. Tra le associazioni che hanno partecipato c’erano: Cns Italia, Onsur, Ossmei, Associazione 3 febbraio, Assopace SessaAurunca e altre ancora. 

558899_477421435661111_284044638_n 553055_384978951615432_893160498_n 20130413_161529 20130413_162124

 

Annunci

Una risposta a "I siriani d’Italia in piazza per dire stop al massacro del loro popolo"

I commenti sono chiusi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: